Responsabilità sociale d’impresa, parte ciclo di laboratori a Ferrara.

La Regione Emilia-Romagna chiama, la Camera di commercio e il Comune di Ferrara rispondono con un progetto comune – nato dalla collaborazione con la Camera di commercio ed il Comune di Ravenna e con le associazioni imprenditoriali delle due province – volto a diffondere le azioni della responsabilità sociale delle imprese.
Le imprese ferraresi sono sempre cresciute in un continuo sforzo verso il miglioramento della qualità della vita di tutti i soggetti coinvolti nelle loro attività. La partecipazione dei lavoratori alla vita dell’impresa, ad esempio, è stata spesso un punto di forza per le aziende e i nostri imprenditori hanno sempre avvertito forte la necessità di dover rispondere nel loro operato – quindi, di dover essere responsabili – verso le famiglie cui danno lavoro e verso i consumatori cui rivolgono i loro prodotti.

Continua la lettura

La partecipazione dei lavoratori alla gestione dell’impresa, un progetto possibile.

A cura di Marco Carcano, Roberto Ferrari e Vito Volpe

Lo studio condotto da Marco Carcano, Roberto Ferrari e Vito Volpe si articola lungo alcune appropriate linee di discussione: la prima parte, dedicata alla disamina delle diverse forme di partecipazione, è seguita dall’analisi di alcune esperienze concrete e da una lettura critica che pone l’accento sull’opportunità di una sempre maggiore interazione tra il management aziendale da un lato, e le rappresentanze sindacali – storicamente poco orientate a progetti di partecipazione – dall’altro. Dal momento che si tratta di una trasformazione culturale prima che strutturale, occorre chiedersi se queste realtà siano culturalmente in grado di costruire people strategies in chiave partecipativa; soprattutto in relazione al fatto che un progetto di partecipazione ben costruito porta vantaggi economici, professionali, organizzativi, produttivi e sociali.

Continua la lettura

Le nuove sfide del lavoro e l’urgenza di ripartire dalla persona.

«Un martello può piantare un chiodo o schiacciare un dito. La responsabilità di ciò che accade è nostra». Il ministro del Lavoro Giuliano Poletti ha esordito con questa analogia al convegno “Industria 4.0 e lavoro” promosso ieri, venerdì 19 ottobre, dall’Istituto Redemptor Hominis della Pontificia Università Lateranense, insieme all’Ufficio diocesano per la pastorale sociale  e alle fondazioni “Etica ed Economia” e “Tarantelli”.

Continua la lettura

Direct participation: the state of play in Europe and Italy.

Venerdì 13 ottobre, presso la sede della Fondazione Di Vittorio di via Donizetti 7/b, si terrà un seminario europeo sui temi della partecipazione diretta. Ovvero di quelle forme di organizzazione del lavoro orientate a migliorare la qualità dei suoi contenuti, in termini di autonomia e controllo, senza per questo esulare dal ruolo della rappresentanza organizzata e della negoziazione collettiva. L’inziativa rientra nel quadro di attività prevista dal progetto europeo “DIRECT”, promosso e coordinato dall’istituto sindacale bulgaro ISTUR-CITUB, con un partenariato internazionale che comprende anche la FDV. In allegato il programma completo dell’evento.

https://www.fondazionedivittorio.it/sites/default/files/content-attachment/DIRECT%20draft%20agenda%20WS%20Rome.pdf

(www.fondazionedivittorio.it, 12.01.2017)

Interesse primario dell’azienda come principio-guida e bene comune.

Siamo lieti di presentare “Interesse primario dell’azienda come principio-guida e bene comune” (G. Giappichelli editore), il nuovo libro del prof. Emiliano Di Carlo (http://www.mitbestimmung.it/intervista-a-emiliano-di-carlo-parte-i/), al quale va il nostro sincero ringraziamento per averci concesso la pubblicazione in esclusiva dell’Introduzione e del paragrafo “La definizione di azienda e il suo interesse primario”.

E. Di Carlo_Interesse primario dell’azienda come principio-guida e bene comune

Sindacati, Ronghi (Filp): rilanciare sinergia tra lavoro e impresa, marted’ 10 ottobre conferenza stampa con Brunetta, Polverini e Alemanno.

“Raccogliamo la sfida per il superamento dell’attuale sistema sindacale, per una nuova legge sulla rappresentatività, per lavoro stabile e di qualità e per la partecipazione dei lavoratori all’impresa: è questa la base di partenza di un nuovo modello sindacale che possa rilanciare la sinergia tra lavoro e impresa in Italia”.

Continua la lettura

Piemonte. ‘Lavoro 4.0: politiche, impresa, competenze e partecipazione’ – La Cisl ne discute a Torino.

“Lavoro 4.0. Politiche, impresa, competenze e partecipazione” il convegno organizzato dalla Cisl Piemonte per dibattere sulle profonde trasformazioni che attraversa il mondo della produzione, con “le tecnologie digitali che stanno cambiando i processi produttivi e l’organizzazione del lavoro.

Continua la lettura

Si parla di imprese, crisi e cambiamento a Castel Bolognese.

In occasione della presentazione del volume di Alessandra Lancellotti “Cambiamente”, si tiene un dibattito alla Sala Conferenze della Libreria Itaca, via dell’Industria 249 a Castel Bolognese.

A confrontarsi sui temi del passaggio dalla crisi al cambiamento, della trasformazione dei bisogni delle persone che incide su processi e prodotti, della condivisione e della partecipazione come metodo di conduzione dell’azienda, della “felicità d’impresa” come strumento per migliorare la qualità della vita dei lavoratori ed anche i risultati stessi dell’impresa, saranno, oltre alla stessa Lancellotti, Alessandro Curti (AD Curti Costruzioni Meccaniche SpA) che porterà l’esempio della sua azienda già orientata a modelli di sostenibilità d’impresa, e Sara Cirone (AD Stafer SpA) che parlerà della gestione del capitale intangibile come strumento di creazione durevole nelle organizzazioni pubbliche e private.

(www.ravennatoday.it, 04.10.2017)

 

Intervista sul corporativismo.

Nel lessico contemporaneo il  termine  “corporativismo” rappresenta una parola tabù, su cui è calata una sorta di damnatio memoriae, che ne ha snaturato la ragione d’essere e sterilizzato le radici storiche.

Assimilato al fascismo,  il corporativismo è stato così ridotto ai margini del confronto politico-sociale, diventando da una parte sinonimo dell’autoritarismo e del controllo dello Stato, dall’altro segno dell’affermazione esclusivistica degli interessi di uno o più  settori di società. Eppure le radici di questa dottrina politica e sociale sono tutt’altro che banali: affondano nella cultura romana, si rafforzano nel Medioevo fino a rappresentare l’ossatura della Dottrina Sociale della Chiesa, poi del fascismo e, nel dopoguerra, della destra sociale.

Continua la lettura